cepros corleone
teatro
Home cepros Chi siamo cepros Compagnia cepros Archivio cepros Stampa cepros Video cepros News cepros Link cepros Contatti


18 ^ RASSEGNA DEL TEATRO AMATORIALE  18 ^ RASSEGNA DEL TEATRO AMATORIALE
di: PRESSO IL CINE TEATRO A.MARTORANA -VIA CADUTI IN GUERRA ,25-CORLEONE

Genere: Spettacolo teatrale
Data: 11/02/2012

 

 

SABATO 11 FEBBRAIO 2012 ORE 21,00 – 1 ^ SERATA

GRUPPO TEATRALE –CEPROS- “ PINO PALAZZO”- CORLEONE

CAVIALE E LENTICCHIE- COMMEDIA BRILLANTE IN TRE ATTI
DI SCARNICCI & TARABUSI

LA TRAMA

La storia del teatro è felicemente popolata da protagonisti di povera condizione, capaci di ridere delle proprie stesse miserie, e soprattutto pronti, ogni giorno, a reinventarsi la vita. 
Di questa festante genìa sono evidentemente eredi i bizzarri protagonisti di “Caviale e lenticchie”, componenti d’una famiglia popolare cui le ingegnose ribalderie del capofamiglia regalano ogni giorno più sogni che denari. All’alba degli anni quaranta, in una riadattata soffitta illuminata dai tetti assolati della città sottostante, le invenzioni del sedicente “commendatore” Liborio La Manna coinvolgono in un unico vortice i sogni un pò repressi della sua donna Maddalena e quelli ancora limpidi della figlia Fiorella, le fantasie teatrali della sorella Caterina e le accomodanti astuzie del dirimpettaio Vincenzo.Ad attraversare le loro storie, ci sono anche un figlio stralunato, un mariuolo dal cuore tenero, un portinaio sempre alla porta, e persino un nonno a noleggio.
Quando poi a costoro si aggiungono un emozionabile giovinetto dell’alta società con tanto di mamma-Contessa apprensiva, una Contessina alla gioiosa scoperta delle altrui sofferenze, un Barone un pò tirchio e un subdolo tutore, tutti improvvisamente si ritrovano immersi in una appassionante trama a tinte gialle, con contorno di spari e sussulti, apparizioni e misteri.La commedia allora festosamente esplode, lambisce i confini della farsa,dispensa ininterrottamente comicità ed emozioni mescolando teatro e vita, finzione e realtà. E, prima che si spengano le luci della ribalta, regala al termine un “lieto fine” che lascia in realtà tutto come prima, e ciascuno ancora una volta proteso a rincorrere e coltivare i suoi sogni.La commedia, qui  riadattata in siciliano dal “CEPROS” con lo sguardo attento ai ben più frenetici ritmi del nostro tempo, è stata scritta nel ‘56 da Scarnicci e Tarabusi, due maestri del nostro teatro leggero e di rivista, che hanno visto peraltro questa loro rarissima opera in prosa rappresentata un pò ovunque e tradotta in molte lingue, dall’inglese al francese, sino al russo e al giapponese. 

PERSONAGGI                                       INTERPRETI

LIBORIO LA MANNA                             IGNAZIO          PATERNOSTRO
MADDALENA (sua moglie)                     LINA                DI CARLO
CATERINA                                          LAURA              MARINO
VINCENZO                                         GIUSEPPE        SALEMI
FIORELLA                                           ALESSIA           PATERNOSTRO
FILUCCIO E DR. PILUSCEN                    VINCENZO        PECORARO

BARONE                                             ROSARIO            ACCORDINO

BARONESSA                                        ROSA               CAMPAGNA
ROBERTO (suo figlio)                           GIOVANNI        BADAMI
CONTESSA                                          AGNESE           FILIPPELLO
LEOPOLDO                                          SALVATORE     FILIPPELLO
FILIPPO                                              MARCELLO       FELICETTI
IL NONNO                                           ROCCO             PROVENZANO
ALESSIO                                             GAETANO         COSTA
 
                         REGIA DI IGNAZIO PATERNOSTRO-SALVATORE FILIPPELLO

TECNICI AUDIO E LUCI            - GIOVANNI MARINO- FABIO PIAZZA

TECNICO VIDEO                       - GIUSEPPE CIMO'

TECNICI DI SCENA                   - GIOVANNI BONANNO - MARIO LO VOI

DIRETTORE ARTISTICO            – MIMMO PATERNOSTRO

COLLABORATORI   DI SCENA     - PATRIZIA DI MICELI - MARIANGELA GENNARO

COORDINAMENTO                    - GIACOMO BADAMI- LEOLUCA SCALISI

               

SABATO 25 FEBBRAIO 2012 ORE 21,00 – 2 ^SERATA                                                                                                 

        TEATRO STABILE NISSENO

         “ IO NON SONO COSI’ ”

 

E' una commedia brillante che cerca di mettere in scena un altro pezzo del mondo contraddittorio di oggi. La trama è molto semplice : Pasquale Porcellato ha fatto fortuna rilevando un confettificio presso il quale – a lungo – aveva lavorato come rappresentante. Questo progetto, questo sogno di diventare “imprenditore”, era stato coltivato da Pasquale insieme al suo collega Sasà, di dieci anni più vecchio; ma quando, all'inizio degli anni novanta, questa opportunità si era in effetti presentata, Sasà era morto in un incidente stradale.

Oggi, a distanza di sedici anni, Pasquale è un uomo ricco. Sposato ad una donna ridicola che crede di essere diventata “signora”, e con una figlia ignorante e teledipendente. Soprattutto, oggi – a distanza di sedici anni- si rifà improvvisamente vivo Silvestro, il figlio appena ragazzo che Sasà aveva lasciato orfano morendo.

Di lui, Pasquale, sa solo che ha coronato una brillante carriera universitaria in scienze finanziarie e che è stato gli ultimi cinque anni in Brasile.

            Non sa però che, nel frattempo, in Brasile, Silvestro è diventato …

Cosa sarà diventato Silvestro in Brasile di così distante ed alieno rispetto all’immagine che Pasquale si è costruito di lui in tutti questi anni? Come è tipico della tradizionale commedia italiana, non mancano i colpi di scena, i ribaltamenti di ruolo, le situazioni paradossalmente comiche che s’innescano una nell’altra. Sono tutti spunti possibili per ampliare le scene in altrettante ipotesi comiche, per estendere le trovate narrative in veri e propri “schetchs”.

Con la chiara intenzione di rendere quanto più comico possibile il tessuto drammaturgico. Cercando – al tempo stesso – di lasciare intatta la carica ironica del testo, destinandola ai suoi scopi minimi (se non di critica sociale) quanto meno di riflessione.

La nostra Compagnia cerca di raccontare frammenti di verità (quando è possibile) attraverso lo strumento del divertimento : sia esso nel segno della commedia, che in quello, più surreale e fisico, della farsa.

http: www.teatrostabilenisseno.it

 

commedia brillante in due tempi di Antonello Capodici

 

con

 SALVINA FAMA TOTO'CANNISTRACI GIOVANNI SPECIALE

          RAIMONDO CONIGLIO  ILARIA GIAMMUSSO

                                            

                                                        Regia

                                            Giuseppe Speciale

scene Sandro Caleca & Donatella Nesci  costumi Silvio Alaimo                disegno luci  D.L.Q.  audio Antonio Guarneri aiuto regia Teresa Calabrese   

                        direttore artistico Giuseppe Speciale

 

                 

                       

 

                                    

       TEATRO STABILE NISSENO

 

               ELENCO PREMI CONSEGUITI

 

 

                       Commedia Comica “ IO NON SONO COSI’“

                                                             di Antonello Capodici

                                                                            Regia Giuseppe Speciale

 

Anno 2009 :

·       Premio Teatrale Nazionale  città di Rosarno ( Calabria )

    Migliore Attrice Protagonista Salvina Fama

Migliore Attore Protagonista Giovanni Speciale

Migliore Attrice Caratterista Ilaria Giammusso

Migliore Compagnia come gradimento del pubblico

Migliore Compagnia per la giuria tecnica

 

Anno 2010 :

·         Premio Teatrale Nazionale di Cirò Marina (Calabria)

·         Migliore Compagnia

·         Migliore Scenografia

·         Migliore Regia Giuseppe Speciale

·         Migliore attore protagonista Giovanni Speciale

 

·         Premio Teatrale Regionale città di Roccapalumba

·         Migliore regia Giuseppe Speciale



SABATO 3 MARZO 2012 ORE 21,00 – 3 ^ SERATA

“PICCOLO TEATRO BISACQUINESE”

CINCU FIMMINI E UN TARI’

 

La brillante commedia, opera di Pino Giambrone, ambientata alla fine degli anni quaranta, quando ancora le ricevitorie del lotto raccoglievano le giocate per andarle a convalidare nel capoluogo ,Palermo. Il protagonista è titolare di una ricevitoria, marito esemplare e padre di quattro figlie femmine già da sposare. La vicenda si svolge nella sua umile casa. La storia si evolve all’arrivo del Barone con la consorte e i suoi tre figli che si vogliono fidanzare. Un intreccio di episodi e colpi di scena tra la curiosità dei vicini ed una giocata al lotto causa di un susseguirsi di eventi drammatici e divertenti

 

 

SABATO 17 MARZO 2012 ORE 21,00 – 4 ^ SERATA

 

“TEATRO INSIEME – CATANIA”

 

 

Tango, monsieur ? Di A. Lo Castro Regia Enzo Sasso

La trama:

Immaginate quattro donne innamorate e diversissime tra loro, convocate, lo stesso giorno, la stessa ora, nello stesso luogo per scoprire d’essere  accomunate da un beffardo destino: l’essere mogli o fidanzate del medesimo uomo. Ma il proverbiale Satanasso, si sa, fa le pentole ma non gli altrettanto proverbiali coperchi sicché se l’impenitente donnaiolo cogitava di liberarsi in un sol colpo delle quattro malcapitate, faceva davvero i conti senza l’oste (melius: le osti). Sotto gli occhi esterrefatti dell’attonito maggiordomo, gli eventi si evolvono in un comico crescendo assumendo ora i toni del giallo, ora quelli del grottesco, ora quelli dell’assurdo fino all’inimmaginabile finale.

Note di regia:

Si finisce per innamorarsi dei personaggi sapientemente tratteggiati dall’Autore, i quali, nel dipanarsi della trama, risultano sempre più vivi e probabili. Si è voluto giocare su più registri: da, un lato, nessun personaggio doveva essere relegato ad un ruolo secondario ma imporsi come personaggio primario o con-primario, da un altro lato, si è pure desiderato variare dalla comicità tradizionale di parola e di situazione al non-sense ed al grottesco. La ricetta si arricchiva di ingredienti e gli interpreti costretti a continui salti da un modulo recitativo all’altro passando dall’impostazione della commedia classica, alla farsa, fino a sortite nel surreale ora mattatori ed ora reciproche spalle. Se l’intento era offrire puro divertimento divertendosi, certo è che gli attori si sono divertiti parecchio in questa sorta di “work in progress”. Quanto al divertimento del Pubblico, al gusto di lor Signori l’ardua sentenza.

Buon divertimento! Enzo Sasso

www.teatroinsieme.com


SABATO 31 MARZO 2012 ORE 21,00 – 5^ SERATA

GRUPPO TEATRALE –CEPROS- “ PINO PALAZZO”- CORLEONE

 

 

IL LETTO OVALE

 

Nove spigliati interpreti per un gioco degli equivoci divertentissimo, che si svolge tutto tra salotto e camera da letto. Uno spettacolo leggero e malizioso che non scade mai nel volgare,

Una commedia "chill out" di puro divertimento, relax ed evasione. Lo spettacolo mette in scena una serie di divertenti equivoci, che, ovviamente, si scioglieranno nel finale. Tra bidet a fiori e tappezzerie ideate da un creativo trendy, la casa dei coniugi Lanza diventa meta ambita da molti...una girandola ben organizzata che da la stura ad una comicità' irrefrenabile!

 

La trama

Tutto si svolge in un appartamento e soprattutto nel letto di un editore di libri per bambini;

appartamento che le quattro coppie in gioco pensano sia a loro disposizione e che invece, per una serie di equivoci e contrattempi, troveranno trafficatissimo.

Così accade che mariti e mogli si trovino contemporaneamente nello stesso luogo, dovendo mentire l’uno all’altra per giustificare la propria presenza.

I vari personaggi si vedranno alle prese con equivoci, doppi sensi, tradimenti e situazioni

divertenti. Come se non bastasse a complicare la vicenda, si aggiunge anche una scrittrice moralista che si presenta nell’abitazione dell’editore per mostrargli il suo nuovo libro, scambiando uno degli ospiti per il padrone di casa, aumentando gli equivoci e le situazioni paradossali che alimentano un meccanismo comico  irresistibile attraverso intrecci, sviste, malintesi e gags esilaranti.

 

SABATO 21 APRILE  2012 ORE 21,00 – 6 ^ SERATA

GRUPPO TEATRALE –CEPROS- “ PINO PALAZZO”- CORLEONE

LABORATORIO GIOVANI

 

I Promessi Sposi

Produzioni Teatrali

La commedia in due atti " I Promessi Sposi ", in una rivisitazione in chiave comica del celebre romanzo di Alessandro Manzoni, rielaborata dal drammaturgo catanese Aldo Lo Castro.
Il testo è una trasposizione in ambiente siciliano del capolavoro della letteratura italiana. Le espressioni manzoniane, che nel romanzo originale assumono diverse connotazioni, dall’amarezza, quando denunciano le ipocrisie dei potenti, alla bonarietà, nei punti in cui smaschera le piccole astuzie degli umili, alla denuncia aspra dello stravolgimento dei valori della famiglia e della società, diventano qui occasione per una spassosa commedia, arricchita da balli, canti e musiche. Sono stati appositamente storpiati i nomi di alcuni personaggi, come Renzino per Renzo e Lucietta per Lucia, e volutamente le situazioni sceniche sono al limite del paradosso, ma grazie all’estroso drammaturgo siciliano, mai come in questo spettacolo la risata è fine a se stessa. La parlata in dialetto è stata voluta allo scopo di colorire i caratteri e le situazioni per avvicinarli di più alla sensibilità e ai gusti degli spettatori.

 

 

Galleria Fotografica

Trovati immagini

newsletterIscriviti alla Newsletter e sarai aggiornato sui nostri spettacoli
e.mail: 
news
Ass. Teatrale Cepros
c.da punzonotto Corleone (PA)
340.5848157 (Giacomo Badami)
327.4716135 (Pino Labruzzo)
333.914711(Mimmo Paternostro)
339.6950785 (Leo Scalisi)
mailinfo@ceproscorleone.it
news
facebook
uilt
uilt